Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento del sito ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Negando il consenso potrebbero non visualizzarsi alcuni contenuti. 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. 
Privacy Policy

Piazza Municipio, 81030, Cancello ed Arnone (CE) - Tel.: 0823/856176 – 0823/856648 - Fax: 0823/856199 - Email: comune@comune.cancelloedarnone.ce.it -
PEC: comune.cancelloarnone@asmepec.it - protocollo.cancelloarnone@asmepec.it

AMMINISTRAZIONE
TRASPARENTE

In un'ottica di "democrazia aperta", L'Amministrazione Trasparente Urbi Smart garantisce il cosiddetto "accesso civico".

ALBO
PRETORIO

Attraverso l'Albo On Line Urbi Smart il cittadino dispone di tutti quegli atti per i quali la legge (n°69 del 18 giugno 2009) impone la pubblicazione.

SERVIZI
ONLINE

Con i Servizi On Line Urbi Smart oggi puoi avere il tuo Comune a portata di click. SUE, pagamenti, trasparenza online

ALBO
FORNITORI

Il Portale gestisce il processo di accreditamento on-line dei Fornitori e delle procedure di approvvigionamento elettronico.

PUC

Il piano urbanistico comunale è uno strumento di gestione del territorio comunale italiano, composto da elaborati cartografici e tecnici oltre che da normative.

Il Comune di Cancello ed Arnone esercita un forte richiamo turistico grazie ad alcune manifestazioni tradizionali, tra le quali spicca con una certa importanza regionale e nazionale la sagra della mozzarella di bufala e del bufalotto alla brace che si svolge solitamente nella prima decade del mese di Agosto e attira turisti e artisti di tutt’Italia. Anche le festività patronali e religiose di San Biagio, di Sant’Antonio, della Madonna delle Grazie, di Santo Stefano e di San Francesco, Patrono del Paese, comportano un consistente afflusso di visitatori. Il Comune di Cancello ed Arnone è inoltre interessato da numerose iniziative culturali che richiamano l’attenzione delle comunità circostanti.

 

Festa Santa Maria delle Grazie                                   Festa di San Biagio

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Festa della Mozzarella

 

http://www.festadellamozzarella.com/

 

 

https://www.facebook.com/pages/Festa-della-Mozzarella/1478412185733680?fref=ts

 

Nell’ambito del patrimonio storico-architettonico figurano nel comune di Cancello ed Arnone siti quali la chiesa di Maria Santissima Assunta in Cielo, situata in località Arnone, la parrocchiale di Maria Santissima delle Grazie, che si trova in località Cancello, entrambe ricostruite dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale, e l’ Impianto Vinario (in località Arnone), che è un sito archeologico risalente al primo secolo d.C. 

La denominazione Cancello ed Arnone trae le sue origini dall’antichità. Il toponimo Cancello deriva dal fatto che la zona era utilizzata come riserva di caccia recintata, infatti ci si rifà all’appellativo lucano “Cancello” indicante “campo recintato con siepi o muri, reti speciali usate per cacciare la selvaggina”; Arnone deriva invece da “Arno” nome di un personaggio Longobardo legato alla storia dell’area. Da ciò lo stemma comunale, concesso con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che ripercorre la storia del Comune e ritrae un cancello d’oro con sbarre orizzontali nere. Il Comune di Cancello ed Arnone è il risultato di un’unione di terre appartenenti ad antichi casali strettamente correlati a Capua, infatti tra le prime notizie documentarie risalenti al 1114 d.C., la località di Arnone appare menzionata in un documento del monastero di Sant’Angelo in Formis; si passa poi alla dominazione di alcune illustri famiglie, come i Filangieri, gli Estendarda e i Cantelmo, per poi diventare uno tra i domini degli arcivescovi di Capua. All’inizio del Trecento, il feudo fu venduto a Bartolomeo di Capua, principe della Riccia dopodiché nel Settecento successe la casata dei Sanseverino. Nel Seicento, per iniziativa dei viceré spagnoli, ebbero inizio i lavori di bonifica dell’agro comunale. I lavori vennero poi ripresi nell’Ottocento, ma si conclusero soltanto dopo la seconda guerra mondiale. Nel corso dei secoli quindi la conformazione del territorio è stata profondamente modificata dall’intervento dell’uomo passando da pantani e vaste paludi a pascoli verdeggianti e campi coltivati dalle regolari forme geometriche. Inoltre la presenza di una rigogliosa fascia di vegetazione lungo le sponde del fiume Volturno e degli altri corsi d’acqua che solcano il comprensorio comunale, oltre a rompere l’uniformità del paesaggio, costituisce l’habitat ideale per numerose specie di uccelli acquatici stanziali o di passo (tarabusi, aironi cinerini, fischioni, marzaiole, alzavole, germani reali e gallinelle d’acqua).

 

Powered by PADIGITALE ADRIATICA